eliminare i moscerini dalle piante_i Giardini di Ellis

Come eliminare i moscerini dalle piante

Come eliminare i moscerini dalle piante è una delle domande che ricevo più spesso.

Un problema molto comune e spesso lungo da risolvere perchè la cosa più importante riguarda le annaffiature e correggere le abitudini sbagliate non è immediato.

Quando il problema si è già presentato, la prevenzione non basta… Occorrono soluzioni d’urto. Soluzioni efficaci e rapide.

Ecco perchè ho creato il mio metodo infallibile in 4 MOSSE.

Quando parliamo di moscerini delle piante non parliamo effettivamente di parassiti pericolosi ma più che altro di un fastidio per noi, anche se nello stadio di larva possono nutrirsi in parte delle radici delle piante. 

Questi comuni moscerini che in inglese vengono chiamati fungus gnat, proprio come suggerisce questo nome, sono moscerini che si manifestano laddove ci sono processi di decomposizione. Si nutrono infatti soprattutto di certi funghi presenti nel terreno quando vi sono parti in putrefazione e in decomposizione, tipici laddove l’umidità è persistente. 

 

Detto questo, vediamo come sbarazzarci dei moscerini in 4 MOSSE:

 

MOSSA 1 – elimina i moscerini usando UN BUON TERRICCIO

Molte volte ci portiamo a casa i moscerini, le loro uova e le loro larve direttamente nel sacchetto del terriccio. Capita quando compriamo un terriccio non buono, eccessivamente economico, con parti non ben compostate, un terriccio con parte organica ancora non decomposta, non matura. L’ideale è quindi scegliere un buon terriccio, con compost maturo o addirittura senza compost. I terricci della linea Torfy di Cifo che usiamo noi ad esempio sono senza compost. 

eliminare i moscerini dalle piante_i Giardini di Ellis

Ho creato anche una lista di prodotti ed attrezzi utili
SHOPPING ANTI-MOSCERINI

ATTENZIONE! Una cosa che potrebbe favorire l’insorgenza dei moscerini è anche utilizzare come concimazione del compost fatto in casa, o bucce di banana o qualsiasi “ricetta” fai da te se non siamo esperti in quello che facciamo. Aggiungere al terriccio parti organiche in marcescenza è come invitare i moscerini ad un party.

Infine, parlando di substrato, come potrete intuire l’idrocoltura, che utilizza al posto del substrato organico, dei materiali inerti è un ottimo modo per coltivare in casa scongiurando i moscerini.

Se il tema dell’idrocoltura ti interessa puoi approfondirlo con diversi video che trovi sul mio canale YouTube oppure leggere il mio Ebook IDROCOLTURA IN CASA dedicato alle piante ornamentali.

MOSSA 2 – ATTENZIONE A COME INNAFFI LE PIANTE

I moscerini si riproducono deponendo le uova nei primi 2-3 cm di terra superficiale, le larve e le uova sopravvivono meglio in ambiente umido e si nutrono di queste parti funginee del terreno che proliferano in condizioni di umidità. Ecco perchè è importantissimo non lasciare il terriccio costantemente umido.

Se avete problemi di moscerini è molto facile che possiate riscontrarli maggiormente in quei vasi in cui la terra fatica ad asciugarsi specialmente in inverno. Parlo di quella terra umida, scura, un po’ marcia, ammuffita. Quella è la condizione ideale per i moscerini.
Se vogliamo eliminarli non dobbiamo lasciare che questo accada.

La terra deve asciugarsi bene tra una annaffiatura e l’altra, quindi valuteremo se è il caso di annaffiare andando a toccare la terra, smuovendola, soppesando il vaso per renderci conto se è pesante o leggero e asciutto.

Nella quarta mossa tra poco vedremo anche un paio di trucchi per far sì che il terriccio si asciughi prima e meglio.

Intanto ricordatevi ovviamente sempre di svuotare i sottovasi, di controllare i vasi contenuti in coprivasi, per essere certi che siano puliti e senza depositi.

Le piante che amano una minima costante umidità nel terreno sono quelle più a rischio, monitoratele più spesso, smuovete con un legnetto la superficie della terra così che quello strato respiri e si ossigeni e asciughi meglio. Parlo ad esempio delle calathee, delle felci, delle begonie… ma anche di tutte quelle che sono in vasi grandi dove è più facile che l’umidità persistente, specie in inverno, possa avviare situazioni di marciumi.

eliminare i moscerini dalle piante_i Giardini di Ellis

MOSSA 3 – ELIMINARE I MOSCERINI CHE GIÀ CI SONO

I moscerini non nascono come piccoli moschini svolazzanti ma attraversano diversi stadi di evoluzione, in primis sono uova, poi sono larve e poi si mettono a svolazzare per casa.

Ecco perchè il nostro approccio di lotta perchè sia efficace deve tenere conto dei diversi stadi di evoluzione dei moscerini, sia degli  adulti che delle larve che non vediamo ancora.

  1. gli adulti: possiamo combatterli efficacemente con le trappole, quei foglietti gialli appiccicosi. Loro sono attratti dal colore e vi restano attaccati. È brutale ma purtroppo è indispensabile se siamo sotto attacco perchè gli adulti non solo ci danno fastidio ma depongono altre uova e questo nel tempo aggrava di molto il problema.

Contro gli adulti possiamo anche spruzzare sapone molle, olio di lino, olio di neemquesti prodotti agiscono per contatto quindi vanno indirizzati verso i moscerini. Smuovere leggermente la terra per snidarli e spruzzate sarà una buona tattica, ma dovrete farlo ripetutamente. 

 

  1. uova e larve: contrastare invece le uova e le larve presuppone di agire a livello del terreno. Di solito in realtà è sufficiente lasciare asciugare il terriccio bene per sterminare la generazione di moscerini allo stadio larvale ma se questo non fosse abbastanza, ecco 2 valide opzioni:
  • usare un larvicida, ad esempio la polvere di roccia liquida con cui possiamo innaffiare le nostre piante. La polvere di roccia è un prodotto naturale e ha la proprietà di catturare l‘acqua e di disidratare ciò con cui viene in contatto. Questo agisce quindi in modo meccanico sulle larve che sono in gran parte costituite da liquidi. Sottraendo umidità agisce anche contro i funghi che proliferano in ambiente umido e di cui sono ghiotti i nostri moscerini.

Una curiosità: se la lotta alle larve invece vi appassiona c’è anche la possibilità di tenere in considerazione alcuni antagonisti naturali dei moscerini, ad esempio prodotti a base di un particolare batterio il Bacillus thuringiensis o BTI che è ottimo contro tutti i piccoli insetti alati, zanzare comprese.

4. MOSSA 4 PREVENIRE I MOSCERINI

  1. STEP 4 PREVENZIONE abbiamo detto buon terriccio, buone annaffiature ma voglio aggiungere ancora due cose:
  • tenere pulito lo strato superficiale della terra da foglie e parti morte che vanno in decomposizione. Questo attira come abbiamo già detto i moscerini.
  • SUBIRRIGAZIONE bagnare le piante “da sotto” anzichè con l’innaffiatoio da sopra è un ottimo modo per eliminare i moscerini perchè ci premette di mantenere asciutto lo strato superficiale di terra.
  • trucchetto interessante è anche quello di usare le polveri di roccia nei rinvasi. La diatomite è eccezionale come molte polveri di roccia vulcaniche hanno la capacità di catturare acqua, questo lascia un’umidità nella terra meno disponibile e previene l’insorgenza di funghi oltre che il proliferare di insetti e larve amanti dell’umidità.  

La troviamo in formato proprio di farina/polvere o in grani come questa POLVERE DI ROCCIA di CIFO che nasce come lumachicida ma che possiamo miscelare nel terriccio proprio per tenere a bada l’insorgenza di larve e funghi.

I moscerini hanno le ore contate… io spero che possa esservi d’aiuto il metodo in 4 MOSSE .

Vi lascio anche il mio video YouTube per informazioni aggiuntive.

Se stai cercando di allenare il tuo pollice, ricordati di scaricare la mia guida gratuita, si chiama La Palestra dei Pollici.

Ogni venerdì, sul mio blog trovi un nuovo video.

Se non vuoi perdertene neanche uno, iscriviti al canale YouTube e riceverai una notifica ogni volta che ne pubblico uno nuovo.

Alice Delgrosso
info@igiardinidiellis.it

Sono Ellis, Plant Designer e Terrarium Artist e Plant Trainer. Aiuto le persone a scegliere le piante giuste per i loro ambienti e a prendersene cura.