come innaffiare le piante in vacanza_I Giardini di Ellis

Come innaffiare le piante in vacanza

Le partenze in estate sono i momenti che in assoluto generano maggiore preoccupazione tra noi appassionati di piante. Chi si prenderà cura di loro mentre siamo via? Come irrigare le piante durante le ferie?

Il problema delle annaffiature riguarda sia le piante di casa che le piante in giardino o sul balcone. Vediamo ora alcune soluzioni che potrebbero risolvere il problema di come innaffiare le piante quando si va in vacanza.

In fondo all’articolo potrai anche guardare il mio video YouTube in cui rivelo 5 errori più comuni che si commettono con le piante quando si parte per le vacenze.

Iniziamo!

1. Il sistema Blumat

I Blumat sono dei piccoli coni in terracotta che permettono di collegare i vasi delle nostre piante ad una bottiglia o ad un recipiente d’acqua. È un sistema estremamente efficace e ben funzionante che permette di bagnare le piante durante il periodo delle vacanze. Personalmente io ho adottato questo sistema con alcune delle mie piante particolarmente esigenti anche per il resto dell’anno.

VANTAGGI: i Blumat erogano acqua in piccole quantità e in modo costante. Le radici respirano perchè la terra non si inzuppa e la riserva d’acqua può durare settimane in base alla dimensione del contenitore che si usa per l’acqua.

SVANTAGGI: il costo, ogni pianta deve avere il suo Blumat e per i vasi più grandi potrebbero occorrerne anche due. Esistono tuttavia anche delle imitazioni del prodotto originale con costi leggermente inferiori.

In questo mio video puoi vedere come funzionano e come li installo

Come bagnare le piante in vacanza_I Giardini di Ellis

2. Bottiglie di plastica rovesciate nei vasi

Questo è sicuramente il sistema più utilizzato per innaffiare le piante quando si va in vacanza. Si prende una bottiglia in plastica e la si riempie d’acqua, si applicano 2-3 fori nel tappo e la si posiziona rovesciata nel vaso il più possibile vicino al fusto della pianta. Perchè l’acqua cominci piano piano a scendere è anche necessario fare un piccolo foro sul fondo della bottiglia per evitare che vada in pressione e non eroghi acqua.

VANTAGGI: è un sistema estremamente economico per bagnare le piante quando si va in vacanza, ogni pianta è autonoma ed è possibile riusare la plastica delle bottiglie vuote.

SVANTAGGIè difficile regolare il flusso in uscita dell’acqua, le bottiglie potrebbero svuotarsi in pochi minuti oppure bloccarsi del tutto a causa di un “tappo di terra” o della pressione sottovuoto.

Per evitare questi rischi il mio suggerimento è di adottare una soluzione economica ma più sicura applicando al posto del tappo un gocciolatore o un cono in argilla simile a quello appena visto nella soluzione 1.

come innaffiare le piante quando vai in vacanza

3. Irrigazione automatica per piante da interno

Questo è sicuramente il sistema più professionale. I sistemi di irrigazione per interno sono anche molto sicuri perchè attingono ad un grosso contenitore d’acqua e non sono collegati al rubinetto di casa. Noi utilizziamo ed abbiamo testato in un video YouTube il sistema Gardena con cui ci troviamo molto bene. Puoi guardare il video qui.

VANTAGGI: è un sistema che può irrigare contemporaneamente molte piante e di dosare il flusso in base alla dimensione dei vasi. Una soluzione che è destinata a durare a lungo nel tempo, un investimento che si ripaga negli anni per affidabilità ed efficacia.

SVANTAGGI:  richiede un po’ più di tempo per essere installato e testato anche se è davvero semplice ed intuitivo.

come innaffiare le piante in vacanza_I Giardini di Ellis

4. Acqua complessata e idrogel per piante

Si tratta di una sorta di “acqua solida” con cui è possibile innaffiare le piante quando si è via. Generalmente venduta in piccole bottiglie contenenti gel che si mettono capovolte nel vaso ma anche come cristalli già mixati o da mixare all’interno del terriccio. È una somministrazione di acqua a lenta cessione.

VANTAGGI: è un sistema molto pratico e facile da usare. Ideale per weekend e soggiorni di breve durata e per chi ha poche piante.

SVANTAGGI:  non è riutilizzabile ed offre una minore autonomia per le piante oltre ad essere impossibile testarlo anticipatamente essendo “usa e getta”

 

5. Soluzione fai da te con contenitore e cordoncini

Si tratta di una soluzione economica e semplice da realizzare con cui è possibile innaffiare anche molte piante contemporaneamente. Occorre un recipiente d’acqua di dimensioni proporzionali al numero di piante da irrigare e alla durate delle vacanze. si collegano le piante al recipiente mediante una stringa o un cordoncino in cotone che assorbendo lentamente l’acqua piano piano la rilascia al terriccio.

VANTAGGI: è un sistema molto pratico e facile da usare. Non c’è rischio di sovrairrigare e si possono bagnare molte piante in modo estremamente economico.

SVANTAGGI:  non adatto a piante grandi e l’autonomia non è molto lunga, ideale per brevi periodi e per vasi di piccole dimensioni.

come innaffiare le piante in vacanza_I Giardini di Ellis

ATTENZIONE

Ogni sistema per innaffiare le piante durante le vacanze che ho proposto in questo articolo avrebbe necessità di essere testato per sicurezza almeno per un periodo di tempo pari o superiore a quello dell’assenza da casa in modo da poter gestire eventuali malfunzionamenti e ridurre i rischi.

Ho realizzato un video su YouTube anche per raccontare quali sono i 5 errori che vengono fatti più spesso quando si lasciano le piante a casa e si parte per le vacanze.

Eccolo!

In regalo il Decalogo dell’estate, scarica il PDF gratuito.

Se stai cercando di allenare il tuo pollice, ricordati di scaricare la mia guida gratuita, si chiama La Palestra dei Pollici.

Ogni venerdì, sul mio blog trovi un nuovo video.

Se non vuoi perdertene neanche uno, iscriviti al canale YouTube e riceverai una notifica ogni volta che ne pubblico uno nuovo.

Alice Delgrosso
info@igiardinidiellis.it

Sono Ellis, Plant Designer e Terrarium Artist e Plant Trainer. Aiuto le persone a scegliere le piante giuste per i loro ambienti e a prendersene cura.